Motori di Ricerca Archives - Antezeta Digital Marketing

Category Archives: Motori di Ricerca

Elenco dei domini utilizzati dalla ricerca Ask

Ask LogoIl seguente è un elenco dei domini utilizzati da Ask nei diversi mercati per il loro motore di ricerca. Esso può essere utilizzato per ottenere una migliore segnalazione dei motori di ricerca nelle Universal Analytics di Google ed altri sistemi di web e delle digital analytics.

Dominio AskServizio
ar.ask.comArgentina
at.ask.comAustria
au.ask.comAustralia
br.ask.comBrazil
cl.ask.comChile
de.ask.comGermany
dk.ask.comDenmark
es.ask.comSpain
eu.ask.comEurope
fr.ask.comFrance
in.ask.comIndia
it.ask.comItaly
Lascia un commento

Monitorare DuckDuckGo come motore di ricerca nelle Universal Analytics di Google

Logo DuckDuckGoDuckDuckGo è un motore di ricerca alternativo che promuove il proprio vantaggio di offrire l’anonimato ai propri utenti. Esso gode di maggiore interesse da quando è trapelata la notizia sul monitoraggio da parte della NSA.

Le Google Analytics attualmente non trattano DuckDuckGo come motore di ricerca. Ciò è probabilmente dovuto alla sua insignificante quota di mercato. DuckDuckGo apparirà nel rapporto Traffico dei referral (Rapporti Standard → Sorgenti di traffico → Sorgenti → Referral) mentre in realtà dovrebbe trovarsi nel rapporto di Traffico di ricerca organico (Rapporti Standard → Sorgenti di traffico → Sorgenti → Ricerca → Risultati organici). Il problema è facile da risolvere. In primo luogo definire DuckDuckGo come motore di ricerca per ogni proprietà Universal Analytics in un account. Google dice,

Lascia un commento

La tua strategia dei social media considera la ricerca?

Creative Commons BY-SA 2.0 da olarte.ollie http://www.flickr.com/photos/ollieolarte/3028314931
L’ottimizzazione per la ricerca sui siti dei social media dovrebbe essere parte della tua strategia per i social media. Immagine: CC BY-SA 2.0 da olarte.ollie

La comunicazione di successo si basa tutta su come piazzare il messaggio giusto di fronte alle persone giuste al momento giusto. Nella prima parte di questa serie in due parti sulla ricerca e sui siti dei social media, ho notato l’innegabile importanza dei social media, come dimostrato dal volume di aggiornamenti dei social media, vale a dire post o tweet, pubblicati ogni giorno su Twitter e Facebook, per non parlare poi dei siti minori come VK in Russia e Sina Weibo in Cina. Ho anche considerato perché, una volta pubblicati, la maggior parte di questi aggiornamenti vanno a finire in un limbo dei social media e, raramente, vengono visti di nuovo.

Lascia un commento

Alcune cose fondamentali da sapere sul grafo della conoscenza Google

Panello dal grafo di conoscenza per Tiziano Ferro nei risultati di una ricerca
Riquadro di conoscenza nei risultati di una ricerca per Tiziano Ferro, compresi gli eventi (rich snippets) e gli aggiornamenti di Google+! Clicca per ingrandire.

Ho appena finito di documentare la nuova presentazione dei riquadri di fatti in alcuni risultati della ricerca su Google, abilitati grazie a una tecnologia che Google chiama grafo della conoscenza (knowledge graph), come preparazione per la prossima edizione del mio Corso SEO non plus ultra (13 e 14 giugno p.v.). Ho pensato di condividere alcuni dei punti salienti che i comunicatori probabilmente dovrebbero sapere:

1 Commento

Il nuovo motore di ricerca Attrakt si focalizza sul contenuto curato

Pagina home AttraktHai mai accumulato una collezione di segnalibri web su un argomento particolare e voluto poi cercare all’interno dei loro contenuti? Gli utenti Delicious avranno familiarità con la raccolta curatoriale e la condivisione dei link, ma non c’è possibilità di cercare effettivamente i contenuti delle pagine e dei siti raccolti come segnalibri. Alcuni fiorentini, per lo più ex-colleghi della società internet Dada, hanno cominciato nell’aprile 2011 a sviluppare un nuovo motore di ricerca, Attrakt, che si concentrerà in particolare su uno hosting di motori di ricerca specializzati a cura della comunità web.

Lascia un commento

Tra le righe: Aggiornamenti di marzo 2012 all’algoritmo di ricerca Google

Se si provano a leggere gli aggiornamenti sulla ricerca Google, si ha l’impressione che essi parlino una lingua criptica. Leggendo tra le righe, possiamo trarre una rapida interpretazione su ciò che sono i principali cambiamenti di marzo:

  • Google supporta ora un set limitato di caratteri, oltre a lettere e numeri, nelle queries di ricerca e nei suggerimenti della ricerca. Questo è essenzialmente dettato, credo, dall’introduzione di Google+, ma risulterà molto utile per chiunque abbia provato a cercare un indirizzo email con il simbolo @ compreso.
  • Il ranking degli articoli di notizie può cambiare nei risultati della ricerca principali. I risultati di notizie possono diventare più prominenti.
Lascia un commento

L’invasione dei ladri di risultati: I numerosi modi in cui Google+ invade la ricerca Google (e come imparare ad amarlo)

Pannello di SEO per Google+ e la ricerca Google @ SMX West 2012
Figura 1: Pannello su SEO per Google+ (Google Più) e la ricerca Google @ SMX West 2012: Danny Sullivan, Search Engine Land; Sean Carlos, Antezeta Web Marketing; Janet Driscoll Miller, Search Mojo; Daniel Dulitz, Google; Monica Wright, Search Engine Land & Marketing Land (Foto: SMX)

L’articolo che segue si basa su un discorso che ho tenuto alla conferenza di web marketing SMX West. (Visualizza le slide)

Dal suo lancio nell’estate del 2011, Google+ si è integrato sempre più nella ricerca di Google. Questa integrazione, che alcuni potrebbero definire un’invasione della ricerca di Google da parte di Google+, ha delle implicazioni significative per la promozione di persone, prodotti e servizi.

1 Commento

Il nuovo motore di ricerca sociale Volunia sostiene che il Web è vivo

Google potrebbe valere come sinonimo della parola ricerca nella maggior parte del mondo, ma ciò non ha mai dissuaso alcuno dal presentare nuovi motori di ricerca al mercato, di solito con l’obiettivo di innovare un’area trascurata in qualche modo da Google. Volunia, in fase di lancio questa settimana, promette di aiutare gli utenti mediante tre caratteristiche distintive:

  1. Anteprime a volo d’uccello dei siti nei risultati di una ricerca
  2. Una ricerca di contenuti multimediali all’interno di un sito
  3. Uno strato sociale che, tra l’altro, consente agli utenti di Volunia di condividere informazioni e collegarsi fra di loro
Lascia un commento

Monitorare il motore di ricerca emergente blekko nelle Google Analytics e in altri sistemi delle Web Analytics

Più di un anno è passato da quando il motore di ricerca blekko è stato lanciato, ma gli analisti di web marketing che utilizzano strumenti di misurazione dei media digitali come le Google Analytics non avranno visto traffico attribuito a blekko nei rapporti sul traffico naturale proveniente dal search marketing. Invece, il traffico fornito da blekko apparirà in un rapporto sui siti web di provenienza. È possibile attribuire correttamente il traffico di ricerca mediante blekko con l’attuazione di tecniche di configurazione avanzate per le web analytics. Ma vale davvero la pena di fare tale sforzo aggiuntivo? Certamente ci sono investitori che stanno scommettendo su blekko. A fine settembre scorso, blekko ha ricevuto un ulteriore investimento di 30 milioni di dollari, metà dei quali proviene dal motore di ricerca russo Yandex.

Lascia un commento

Misurazione dei media digitali: il monitoraggio facile delle campagne e uno strumento gratuito

Tanti canali digitali di comunicazione, eppure così poco tempo. Con un numero sempre più alto di canali per l’acquisizione di traffico per i siti web che spuntano da un giorno all’altro, diventa sempre più importante misurare con precisione l’efficacia di un canale. Ciò significa chiedere e rispondere a domande difficili, a volte scomode, del tipo “C’è qualcuno che interagisce davvero con il notiziario mensile?“. Se i lettori interagiscono, qual è esattamente il punto dove si verifica tale coinvolgimento, cioè dove è il link che viene cliccato? Nel caso del social media marketing, i post sulle pagine Facebook o i tweet su Twitter suscitano interesse sufficiente per convincere le persone a cliccare i link per visitare il sito aziendale?

Lascia un commento

Quello che Google sa su Google e su alcune altre cose

C’è un meraviglioso detto che circola nelle grandi aziende, in particolare quando si parla di iniziative sulla gestione della conoscenza (Knowledge Management – KM), “solo se sapessimo quello che sappiamo“. È improbabile che Google sia esente da questo problema, ma la loro cultura basata sui dati ha lanciato vari cruscotti d’informazione che mirle richieste dei governiano a superare questo problema, facilitando la comunicazione interna ed esterna dei dati, dagli stati di servizio dei servizi Google fino alle statistiche internet.

Lascia un commento

Caro Google, grazie per Anteprima istantanea: ora ci vuole il riconoscimento della meta tag “nopreview”

I motori di ricerca offrono ai proprietari di siti web una vasta gamma di opzioni per specificare esattamente quali contenuti (pagine) di un sito web possono essere indicizzati e in che modo i contenuti possono essere presentati nei risultati di una ricerca in un motore di ricerca. Che sia così è solo giusto, in quanto è il proprietario del sito a creare i contenuti. Al di là della miriade di opzioni esistenti, i webmaster che si concentrano sulla visibilità in Google hanno ora un ulteriore problema da considerare relativo alla presentazione di un risultato di ricerca: consentire a Google di presentare un’anteprima immediata o meno. Purtroppo Google ha reso la scelta di rinunciare alla anteprime di una pagina più difficile di quanto dovrebbe essere, ma prima di tornare a questo punto, una breve rassegna delle attuali opzioni per controllare la presentazione dei risultati di una ricerca è doverosa.

Lascia un commento

Google Instant: cosa cambia? Poco – e alcune considerazioni di SEO sull’ABC delle ricerche Google in italiano

Ora che su Google Instant sono stati versati fiumi d’inchiostro, spesso senza tanta cognizione di causa, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su quel che comporta questa novità per le aziende e le organizzazioni.

Google Instant è un cambiamento di interfaccia

Prima di tutto, è importante capire cos’è Google Instant e anche cosa non è. Google Instant è una nuova interfaccia utente, che modifica il modo in cui Google presenta i risultati di ricerca.

1 Commento

Google Autocomplete, già Google Suggest, precursore di Google Instant

Con tutto il rumore sul rilascio di Google Instant, è facile trascurare il fatto che Google istante non sia proprio nuovo. Nel 2004 i laboratori di Google, i Google Labs, hanno lanciato un nuovo strumento chiamato Google Suggest ossia Suggerimenti di Google. Google Suggest ha fornito un elenco di parole chiave potenziali per la ricerca in base ai tasti appena digitati da un utente. Inizialmente Google Suggest visualizzava anche il numero stimato di risultati per una determinata frase di parole chiave. Google Suggest è stato sviluppato dall’ingegnere Google Kevin Gibbs durante la famosa iniziativa promossa da Google sul 20% del tempo (gli ingegneri possono dedicare il 20% del loro tempo a un proprio progetto, senza necessitare del benestare del capo, o almeno funziona così sulla carta).

Google Suggest

Google Suggest in azione. Da notare le stime dei risultati, non più disponibili.

Lascia un commento

Google Trends per i siti web, ora con meno dati

Chi non è innamorato degli strumenti di web marketing forniti da Google per analizzare i dati sui concorrenti? Di tutte le fonti pubbliche per le statistiche web, Google è potenzialmente la più accurata. Perché? Nessun altro dispone della quantità né dell’ampiezza di dati web che possiede Google. Né comScoreNielsen. Né Hitwise, quantcast, competeAlexa. Dimenticate i loro comunicati stampa, anche se imponenti. Essi, semplicemente, non raccolgono una quantità e qualità di dati neppure paragonabili a quelle raccolte da Google. Da considerare che:

  • Google tiene traccia di molti siti direttamente mediante le Google Analytics;
Comments Off