Un'altra storia di successo dei social media col video It's time da parte di GetUp Australia su YouTube

Comunicazione convincente con i social media (W l’Internet)

Una delle molte ragioni per appassionarsi ad Internet e difenderlo da quei politici che vogliono limitarlo consiste nella sua capacità di essere un grande livellatore democratico. Gli strumenti dei social media con il loro apporto potenziale, ostacolato solo dalla lingua e dall’accesso a una connessione Internet, servono da vero e proprio megafono alla persona qualsiasi che riesce in tal modo a farsi ascoltare come mai prima.

Il video United Breaks Guitars di Dave Carroll su YouTube rappresenta un caso di social media da studiare rigorosamente, un avvertimento da non sottovalutare per quelle aziende che ignorano la potenza della comunicazione dal basso a loro rischio e pericolo.

Il video di Carroll, 11 milioni di visualizzazioni fino ad oggi, ha avuto una risonanza così vasta in parte grazie sua autenticità e alla sua sincerità. Carroll dimostra che una comunicazione efficace con un budget ridotto è infatti possibile tramite i canali dei social media.

United rompe le chitarre

Di sicuro i siti di rete sociali come Twitter, Facebook e Google + hanno fatto ciascuno la propria parte per diffondere il loro messaggio con il passa parola virtuale.

Opportunità per ciascuna azienda o organizzazione non-profit

La persona qualsiasi non deve essere limitata a una persona. Un’azienda o organizzazione dinamica può anche raggiungere un pubblico ben oltre ciò che il suo budget altrimenti permetterebbe. Un video su YouTube proveniente da GetUp, un gruppo progressivo australiano, è la prova corrente che il successo di Carroll con i media sociali non rappresenta un caso isolato. It’s time (è l’ora) ha raccolto quasi 3 milioni di visite nella prima settimana dal suo rilascio. Paul Mackay, referente per i contatti con la stampa, dice che il video è stato messo insieme da “una piccola organizzazione … messa su dall’odore di uno straccio unto”.

It’s time (è l’ora)

La potenza di un messaggio positivo

It’s time è diventato un vero e proprio successo contagioso in quanto presenta una storia convincente con autenticità e sincerità. C’è un modello che si ripete qui, no? It’s time dimostra anche che un messaggio molto positivo può essere uno strumento di comunicazione estremamente efficace, una lezione da cui i politici, abituati ad usare tattiche per spaventare gli elettori e chiuderli nel recinto della loro causa personale, potrebbero imparare. In tempi recenti è stata l’ala destra che ha utilizzato i babau di maggior successo per motivare gli elettori, spesso emarginando i già emarginati, ma è utile tenere a mente che la paura è stata strumentalizzata per anni dai politici di ogni colore.

Una margherita da parte di Lyndon Johnson, 7 settembre 1964

Complimenti al team GetUp per la loro positività… e w l’internet.

Ti potrebbero interessare:

Sono aperte le iscrizioni per il prossimo corso Seo e per il corso Google Analytics. Cosa aspettate?


A proposito di Sean Carlos

Sean Carlos aiuta le aziende nell'ottimizzare i loro risultati di business online. La sua carriera spazia dalla gestione di campagne di telemarketing e direct mailing presso un'organizzazione con più di 10.000 soci ad una significativa esperienza a livello mondiale maturata presso la Hewlett-Packard. Nei primi anni 90 Sean ha sviluppato un applicativo enterprise search, comprensivo di tutte le fasi, dall'indicizzazione alla ricerca dei testi, per il Los Angeles County Museum of Art. Dal 2000 al 2004 Sean è stato IT Manager del sito immobiliare CasaClick.it, parte del gruppo Pirelli. Sean è un docente ufficiale della Digital Analytics Association. È Chairman dello SMX Search and Social Media Conference, 13 & 14 novembre p.v. a Milano. Collabora inoltre con l'Università Bocconi. Nato a Providence, RI, USA, Sean Carlos si è laureato in Fisica. Parla inglese, italiano e tedesco.

Lascia un commento

Avviso: i tuoi commenti sono i benvenuti se sono costruttivi. L'amministratore si riserva la facoltà di cancellare i commenti anonimi, con secondi fini e/o con toni non civili.