Web Analytics Archives - Antezeta Digital Marketing

Category Archives: Web Analytics

Monitorare il motore di ricerca emergente blekko nelle Google Analytics e in altri sistemi delle Web Analytics

Più di un anno è passato da quando il motore di ricerca blekko è stato lanciato, ma gli analisti di web marketing che utilizzano strumenti di misurazione dei media digitali come le Google Analytics non avranno visto traffico attribuito a blekko nei rapporti sul traffico naturale proveniente dal search marketing. Invece, il traffico fornito da blekko apparirà in un rapporto sui siti web di provenienza. È possibile attribuire correttamente il traffico di ricerca mediante blekko con l’attuazione di tecniche di configurazione avanzate per le web analytics. Ma vale davvero la pena di fare tale sforzo aggiuntivo? Certamente ci sono investitori che stanno scommettendo su blekko. A fine settembre scorso, blekko ha ricevuto un ulteriore investimento di 30 milioni di dollari, metà dei quali proviene dal motore di ricerca russo Yandex.

Lascia un commento

Le Google Analytics abilitano il rapporto velocità del sito per tutti gli utenti

Le Google Analytics offrono una vasta gamma di funzioni avanzate e rapporti, uno dei più nuovi è il report velocità sito, presentato nel maggio 2011. A prima vista molti professionisti del marketing potrebbero pensare che la velocità del sito sia semplicemente un altro rapporto tecnico da ingegneri, per gli ingegneri.

Eppure, gli utenti preferiscono i siti veloci: numerosi studi (vd. slide 4) hanno dimostrato che il tempo di caricamento delle pagine di un sito è un fattore determinante per il successo di un sito.

Lascia un commento

Misurazione dei media digitali: il monitoraggio facile delle campagne e uno strumento gratuito

Tanti canali digitali di comunicazione, eppure così poco tempo. Con un numero sempre più alto di canali per l’acquisizione di traffico per i siti web che spuntano da un giorno all’altro, diventa sempre più importante misurare con precisione l’efficacia di un canale. Ciò significa chiedere e rispondere a domande difficili, a volte scomode, del tipo “C’è qualcuno che interagisce davvero con il notiziario mensile?“. Se i lettori interagiscono, qual è esattamente il punto dove si verifica tale coinvolgimento, cioè dove è il link che viene cliccato? Nel caso del social media marketing, i post sulle pagine Facebook o i tweet su Twitter suscitano interesse sufficiente per convincere le persone a cliccare i link per visitare il sito aziendale?

Lascia un commento

Monitorare gli errori 404 pagina non trovata utilizzando gli eventi delle Google Analytics

Tutti gli utenti web incontrano prima o poi il famigerato errore 404 pagina non trovata . Nel corso del tempo pagine vengono rimosse dai siti e i link in entrata dai siti esterni si rompono o possono essere già sbagliati sin dall’inizio.

icona di errore errare humanum est – Augustinus Hipponensis

Gli errori sono praticamente inevitabili, ciò che è importante è che vengano ben gestiti. Ci sono alcune risorse eccellenti su come creare una pagina 404 perfetta (nota: se una pagina viene rimossa, l’errore dovrebbe essere 410 andato – che non è più disponibile e non lo sarà più in futuro – e non 404 non trovato, ma ci sono pochi siti che gestiscono gli errori correttamente) unitamente alle pagine di errore del server. Google offre anche qualche codice, opzioni di personalizzazione comprese, per suggerire pagine alternative del sito.

1 Commento

Quello che Google sa su Google e su alcune altre cose

C’è un meraviglioso detto che circola nelle grandi aziende, in particolare quando si parla di iniziative sulla gestione della conoscenza (Knowledge Management – KM), “solo se sapessimo quello che sappiamo“. È improbabile che Google sia esente da questo problema, ma la loro cultura basata sui dati ha lanciato vari cruscotti d’informazione che mirle richieste dei governiano a superare questo problema, facilitando la comunicazione interna ed esterna dei dati, dagli stati di servizio dei servizi Google fino alle statistiche internet.

Lascia un commento

Linee guida Stanford per la credibilità web

Sommario di ricerca redatto dal laboratorio di tecnologia persuasiva dell’Università Stanford, California

Nel lontano 2002 il professore di Stanford B.J Fogg ha pubblicato una lista di consigli basati su ricerche svolte su come rendere più autorevole un sito web. Essi sono validi tutt’ora? Credo proprio di sì. Ma oggi come oggi, importa poco il nostro pensiero; possiamo effettuare modifiche al nostro sito e verificarne l’andamento negli strumenti delle web analytics, come le Google Analytics o strumenti analoghi, come Urchin, Omniture, Web Trends o Coremetrics.

Lascia un commento

Le Web Analytics e l’enigma dei clic destri mancanti

Un professionista di web marketing riflette molto sulla diversità incredibile di dati demografici dei visitatori di un sito. Giovani ed anziani, maschi e femmine, alto livello di scolarizzazione e non, ricchi e non … ma quanta considerazione viene dedicata ai destro-cliccatori? No, non i destrorsi, proprio i destro-cliccatori che sono quelli che fanno clic a destra su un link per aprire una pagina in una nuova scheda, per salvare un file in una posizione specifica o per copiare un link da incollare da qualche altra parte.

3 Commenti

Confronto di script di monitoraggio per le Google Analytics ed Urchin

Con l’arrivo del codice di monitoraggio delle Google Analytics asincrono, molti siti hanno bisogno di rivedere il codice automatico utilizzato per tenere una traccia di quegli elementi come i file scaricati e i clic sui link in uscita. Purtroppo Google non offre una libreria ufficiale per questa funzionalità avanzata, tocca agli amministratori delle Google Analytics o di Urchin scegliere il proprio script per il monitoraggio esteso.

Alcuni dei punti importanti da prendere in considerazione

  1. Quanto è accurato il codice di monitoraggio? Funziona senza insidie in tutti i principali browser?
  2. Il codice di monitoraggio è compatibile con gli altri codici JavaScript nel sito?
2 Commenti

Le pagine viste importano poco nella monetizzazione di un sito web

Il titolo è un po’ provocatorio, ma il tema è importante per tutte quelle aziende che vogliono assicurarsi che il loro sito web rappresenti una fonte di guadagno e non di costo. Il numero di pagine viste è spesso poco indicativo come misurazione di quanto si riesca a monetizzare un sito. Oggi è il contenuto specifico di una pagina che risulta invece più significativo in tal senso. In seguito ne vedremo il perché.

In questo articolo ci limiteremo a considerazioni sulla pubblicità come strumento di monetizzazione.

1 Commento

La misurazione dei media sociali e un caso, questo SEO Blog

La settimana scorsa un amico mi ha chiesto dritte sulla misurazione dei social media, come dei blog.

Io trovo le opere di Jeremiah Owyang sempre stimolanti, ad esempio il suo articolo What should we measure ed il documento Tracking the Influence of Conversations: A Roundtable Discussion on Social Media Metrics and Measurement. Ma

non è sufficiente misurare, dobbiamo considerare eventuali inganni nascosti nei dati, vale a dire dobbiamo anche interpretarli.

Consideriamo il caso di un blog post. Quanto un post abbia avuto seguito ed abbia coinvolto lettori o meno potrebbe essere dedotto dal numero dei commenti lasciati. Ma ci sono due potenziali problemi con questa misurazione.

2 Commenti

Migliorare la rilevazione dei motori di ricerca e delle parole chiave dalle Google Analytics, una buona strategia SEO

In tre brevi anni1 le Google Analytics sono diventate uno strumento importante per molte aziende che cercano di ottenere il massimo dalla loro presenza sul web.

L’ampia gamma di informazioni che le Google Analytics offrono sull’utilizzo di un sito web, dalle fonti di traffico ai tassi di conversione, forniscono preziose indicazioni sulle prestazioni aziendali del sito web, tutto per un costo iniziale che è difficile da battere.

Un rapporto particolare, quello sul traffico proveniente dai motori di ricerca, è di speciale interesse per le aziende che cercano di ottimizzare le loro attività di marketing mediante i motori di ricerca.

Lascia un commento

Una lista dei motori di ricerca e delle fonti di traffico attribuito alla ricerca web

Segue una lista dei motori di ricerca e dei siti con motori di ricerca incorporati come portali degli ISP che forniscono traffico da attribuire alla ricerca web. Potete utilizzare questo elenco per verificare se il vostro sistema di Web Analytics riconosca tutti le fonti di parole chiave importanti per il tuo mercato.

Si consiglia una lettura degli articoli correlati :

Le informazioni qui fornite sono senza alcuna garanzia.

Ultimo aggiornamento elenco: 7 ottobre 2008

2 Commenti

La rilevazione dei motori di ricerca dalle Microsoft adCenter Analytics

Microsoft è l’altro protagonista, dopo le Google Analytics, nel segmento degli strumenti gratuiti per l’analisi di dati web come rilevati dal browser. Microsoft adCenter Analytics derivano dalla ex LiveSTATS della DeepMetrix, acquistata da Microsoft nell’aprile 20061.

Lascia un commento

Migliora il tuo blog o sito web con Google Ricerca nel Sito. Misura i risultati nelle Google Analytics.

Sei stato bravo. Hai creato un sito web con contenuti interessanti. Una comunità di lettori fedeli continua a tornare a visitarti. Gli sforzi SEO danno risultati, con molto traffico proveniente da Google, Yahoo!, Bing ed alcuni dei motori di ricerca minori. È l’ora di sedersi con una bella birra o un calice di Monteregio di Massa Marittima … ma ti sei dimenticato di qualcosa? Della ricerca nel sito forse?

Per ricerca nel sito intendiamo la funzionalità che consente ai visitatori di cercare informazioni nel sito, utilizzando le loro parole chiave.

1 Commento

I link e gli algoritmi dietro le statistiche blog: BlogBabel riapre.

Come essere ignaro della riapertura del servizio principale per la classificazione dei blog italiani, BlogBabel. Poco più di un anno fa avevo scritto circa BlogBabel:

“Anche se vale la pena ricordare che il posizionamento nelle classifiche di BlogBabel è solo una misura dell’importanza di un blog, Ludo merita una lode particolare per la trasparenza con cui si documenta il metodo per arrivare alle classifiche di BlogBabel”.

Da allora, i fattori per determinare il posizionamento hanno subito qualche cambiamento. BlogBabel dice che vengono attualmente considerati i seguenti parametri:1

Parametro per la classifica BlogBabelDescrizionePeso
1 Commento