Aggiornamenti di marzo 2012 all'algoritmo di ricerca Google, tra le righe

Tra le righe: Aggiornamenti di marzo 2012 all’algoritmo di ricerca Google

Se si provano a leggere gli aggiornamenti sulla ricerca Google, si ha l’impressione che essi parlino una lingua criptica. Leggendo tra le righe, possiamo trarre una rapida interpretazione su ciò che sono i principali cambiamenti di marzo:

  • Google supporta ora un set limitato di caratteri, oltre a lettere e numeri, nelle queries di ricerca e nei suggerimenti della ricerca. Questo è essenzialmente dettato, credo, dall’introduzione di Google+, ma risulterà molto utile per chiunque abbia provato a cercare un indirizzo email con il simbolo @ compreso.
  • Il ranking degli articoli di notizie può cambiare nei risultati della ricerca principali. I risultati di notizie possono diventare più prominenti.
  • Le ricerche fatte per nomi (vale a dire per vanità o gestione della reputazione) restituiranno i profili provenienti da un maggior numero di fonti (duecento siti sociali), soprattutto se sei una persona famosa.
  • Gli astratti arrichiti per lo sport saranno estesi ad altri sport, tra cui la lega russa di Hockey (qualcuno pensa ad ?).
  • Meno porno a meno che tu non stia cercandolo appositamente.
  • I cambiamenti come del testo visibile di un link vengono considerati … forse in relazione alle modifiche dei link effettuati il mese precedente.
  • Una marea di cambiamenti intorno al ranking delle immagini.
  • Miglioramenti nella presentazione dei risultati della ricerca per i programmi (applicazioni) su dispositivi mobili.
  • Meno risultati derivati dall’uso di sinonimi da parte di Google per le parole chiave specificate nelle nostre queries di ricerca. Google non può più pensare che si cerchino cani quando si fa una ricerca per i gatti.
  • Modifiche a ciò che appare quando si digitano parole come “Starbucks”, dove si potrebbe desiderare di navigare al loro sito web o trovare una mappa per il negozio più vicino.
  • Possiamo vedere risultati più freschi – un problema per quello che Google può considerare una pagina stantia.
  • Ci possono essere alcuni cambiamenti su come autorevole (di qualità) sia considerato il vostro sito.
  • Se si digitano parole irrilevanti nella query, Google li ignora in modo da dare risultati migliori.
  • Il pulsante +1 dovrebbe finalmente essere disponibile nei risultati della ricerca in molte località internazionali.

Ci sono un paio di aggiornamenti che sto ancora cercando di interpretare, come ad esempio abbiamo rimosso un obsoleto segnale prodotto-centrato proveniente da un algoritmo comprensione sito,

Ti potrebbero interessare:

Sono aperte le iscrizioni per il prossimo corso Seo e per il corso Google Analytics. Cosa aspettate?


A proposito di Sean Carlos

Sean Carlos aiuta le aziende nell'ottimizzare i loro risultati di business online. La sua carriera spazia dalla gestione di campagne di telemarketing e direct mailing presso un'organizzazione con più di 10.000 soci ad una significativa esperienza a livello mondiale maturata presso la Hewlett-Packard. Nei primi anni 90 Sean ha sviluppato un applicativo enterprise search, comprensivo di tutte le fasi, dall'indicizzazione alla ricerca dei testi, per il Los Angeles County Museum of Art. Dal 2000 al 2004 Sean è stato IT Manager del sito immobiliare CasaClick.it, parte del gruppo Pirelli. Sean è un docente ufficiale della Digital Analytics Association. È Chairman dello SMX Search and Social Media Conference, 13 & 14 novembre p.v. a Milano. Collabora inoltre con l'Università Bocconi. Nato a Providence, RI, USA, Sean Carlos si è laureato in Fisica. Parla inglese, italiano e tedesco.

Lascia un commento

Avviso: i tuoi commenti sono i benvenuti se sono costruttivi. L'amministratore si riserva la facoltà di cancellare i commenti anonimi, con secondi fini e/o con toni non civili.