Google Plus Archives - Antezeta Digital Marketing

Tag Archives: Google Plus

Google scommette sulla pubblicità per spingere Google+

Quello di cui Google ha veramente bisogno è un incidente significativo per Facebook

(clicca per ingrandire)
Figura 1: Annuncio Google+ a piena pagina nel la Süddeutsche Zeitung (clicca per ingrandire)

Negli ultimi mesi Google, la società pubblicitaria che storicamente ha evitato la pubblicità tradizionale, ha impiegato mezzi di stampa e TV per promuovere Google+, cioè la sua risposta al fenomeno Facebook. I telespettatori negli Stati Uniti forse hanno visto anche alcuni spot Google+, come il videoritrovo Google+ con i Muppets. Google sta inoltre promuovendo Google+ in tutta Europa. Annunci a piena pagina sono apparsi nei principali quotidiani europei, come la Süddeutsche Zeitung in Germania (vedi immagine) e La Repubblica in Italia. Nel Regno Unito uno spot televisivo basato su Come vi piace di Shakespeare cerca di convincere i telespettatori dell’utilità di Google+ in ogni fase della loro vita. In Italia, gli spot Google+ sono mirati a valorizzare cose apprezzate dagli italiani come la moda e i telefoni cellulari. Indipendentemente dal mercato, le campagne di Google+ mirano a convincere le masse che Google+ è il social network che fa proprio al caso loro.

1 Commento

Alcune cose fondamentali da sapere sul grafo della conoscenza Google

Panello dal grafo di conoscenza per Tiziano Ferro nei risultati di una ricerca
Riquadro di conoscenza nei risultati di una ricerca per Tiziano Ferro, compresi gli eventi (rich snippets) e gli aggiornamenti di Google+! Clicca per ingrandire.

Ho appena finito di documentare la nuova presentazione dei riquadri di fatti in alcuni risultati della ricerca su Google, abilitati grazie a una tecnologia che Google chiama grafo della conoscenza (knowledge graph), come preparazione per la prossima edizione del mio Corso SEO non plus ultra (13 e 14 giugno p.v.). Ho pensato di condividere alcuni dei punti salienti che i comunicatori probabilmente dovrebbero sapere:

1 Commento

Facebook è lo strumento preferito per fare gli auguri di compleanno nell’era digitale

Birthday greetings by digital platform
Distribuzione degli auguri di compleanno nell’era digitale

C’è un giorno all’anno in cui ci sentiamo tutti un po’ speciali … è il nostro giorno, se vogliamo. Beh certo, forse c’è bisogno di condividerlo con altri, ma il giorno rimane, più o meno, nostro.

Essendo nato nell’era analogica, ricordo ancora di aver ricevuto i biglietti di auguri di compleanno consegnati a mano dal postino, e sono davvero colpito da come gli strumenti digitali di comunicazione come Facebook e Skype consentano in modo così efficiente alle persone di riconoscere gli altri nel loro giorno speciale con un saluto per il loro compleanno.

Lascia un commento

Google e l’attribuzione dell’autore rel=”author”: promozione impropria di Google+?

Nel giugno 2011 Google ha introdotto una modalità per gli autori di contenuti che consente loro di migliorare la visualizzazione dei loro articoli nei risultati di ricerca di Google grazie all’associazione di una foto dell’autore e di una riga di attribuzione “a cura di”. Ulteriori informazioni sull’autore nei risultati di ricerca, dette authorship markup, continuano l’implementazione di rich snippets (astratti arricchiti) da parte di Google, un concetto originariamente introdotto da Yahoo come risultati migliorati (enhanced results).

Nell’attuazione del codice per l’attribuzione dell’autore, Google dice di essersi appoggiata agli standard già esistenti come l’attributo rel="author" di HTML5 per i tag link ed ancora, anche se rel="author" in realtà non è proprio nuovo come Google sa, e l’attributo rel="me", definito dalla XFN (XHTML Friends Network).

Lascia un commento

La liberazione di dati da Google+: una promessa non ancora soddisfatta

Avete mai notato come MS Office è in grado di importare moltissimi formati di documenti, ma le opzioni di esportazione sono praticamente limitati a Microsoft formati (rtf è un formato di Microsoft, tra l'altro)? Ciò non è casuale. Le aziende intelligenti hanno capito che i dati sono una bene, da utilizzare strategicamente, anche come barriera per bloccare che i clienti si spostano al concorrenza.

Lascia un commento