Linee guida Stanford per la credibilità web

Linee guida Stanford per la credibilità web

Sommario di ricerca redatto dal laboratorio di tecnologia persuasiva dell’Università Stanford, California

Nel lontano 2002 il professore di Stanford B.J Fogg ha pubblicato una lista di consigli basati su ricerche svolte su come rendere più autorevole un sito web. Essi sono validi tutt’ora? Credo proprio di sì. Ma oggi come oggi, importa poco il nostro pensiero; possiamo effettuare modifiche al nostro sito e verificarne l’andamento negli strumenti delle web analytics, come le Google Analytics o strumenti analoghi, come Urchin, Omniture, Web Trends o Coremetrics.

La cosa più sensata è tenere sotto osservazione alcuni obiettivi importanti per il successo dell’azienda o dell’organizzazione, come il tasso di acquisti fatti sul sito o il tasso di contatti innescati. Se hai la possibilità di dedicare ancora più tempo alle web analytics ed al processo di miglioramento, ti consiglio di prendere in considerazione l’utilizzo dello Strumento per ottimizzare il sito di Google.

Stanford University Credibility ResearchChe la credibilità sia con voi!

N.AzioneDescrizione
1.Rendere facile la possibilità di verificare l’esattezza delle informazioni sul tuo sito.È possibile costruire la credibilità del sito web, fornendo un sostegno da parte di terzi (citazioni, riferimenti, materiali) per le informazioni presentate, specialmente se si inseriscono link a queste prove. Anche se i visitatori non seguono questi link, hai dimostrato comunque di avere fiducia nei materiali che sottoponi.
2.Far vedere che c’è una vera e propria organizzazione dietro al tuo sito.Dimostrare che il tuo sito web è presentato da un’organizzazione legittima aumenterà la credibilità del sito. Il modo più semplice per fare ciò consiste nell’indicare un indirizzo fisico. Anche altre caratteristiche possono aiutare come, ad esempio, pubblicare una foto dei tuoi uffici o indicare l’iscrizione presso la Camera di Commercio. (ndr: La legge italiana prevede la partita Iva sul sito).
3.Evidenziare l’esperienza presente nella tua organizzazione, nel contenuto e nei servizi offerti.Hai esperti nella tua squadra? I tuoi collaboratori o prestatori di servizi sono autorevoli? Assicurati di fornire le loro credenziali. Sei affiliato a un’organizzazione rispettata? Mettilo in evidenza. Al contrario, non linkare a siti esterni che non sono credibili. Il tuo sito diventa meno credibile quando ti associ a tali siti.
4.Dimostrare che c’è gente onesta e degna di fiducia dietro al tuo sito.La prima parte di questa linea guida dimostra che ci sono persone vere dietro il sito e nell’organizzazione. Nella seconda parte trovi invece un modo per provare la loro affidabilità attraverso immagini o testi. Ad esempio, alcuni siti pubblicano biografie di alcuni dipendenti che raccontano di aspetti personali come la famiglia o i loro hobbies.
5.Rendere facile la possibilità per un visitatore di contattartiUn modo semplice per aumentare la credibilità del tuo sito sta nel rendere chiare le informazioni necessarie per un visitatore che vuole rivolgersi a te: numero telefonico, indirizzo fisico ed indirizzo e-mail.
6.Progettare il tuo sito in modo che esso appaia professionale (o appropriato per il tuo scopo).Le persone valutano rapidamente un sito solo in base al suo aspetto estetico. Nel progettare il tuo sito, presta attenzione all’impaginazione, alla tipografia, alle immagini, ai punti di coerenza, e altro ancora. Naturalmente, non tutti i siti guadagnano credibilità semplicemente con un aspetto simile a quello di IBM.com. Il design dovrebbe corrispondere allo scopo del sito.
7.Rendere il tuo sito facile da utilizzare – ed utile.Stiamo unendo qui due linee guida. La nostra ricerca dimostra che siti guadagnano punti di credibilità quando essi sono facili da usare e sono utili nello stesso tempo. Alcuni operatori di siti si dimenticano degli utenti quando costoro privilegiano la soddisfazione dell’ego della propria azienda o tentano di dimostrare quelle cose mirabolanti che sono in grado di fare con la tecnologia web.
8.Aggiornare spesso il contenuto del tuo sito (almeno dimostrare che è stato rivisto di recente)Le persone attribuiscono maggiore credibilità a quei siti che dimostrano di essere stati aggiornati o rivisti recentemente.
9.Impiegare con moderazione qualsiasi contenuto promozionale (ad esempio, annunci, offerte).Se possibile, evita annunci pubblicitari sul tuo sito. Se è proprio necessario pubblicare degli annunci, distingui chiaramente fra il contenuto sponsorizzato e il tuo. Evita pop-up pubblicitari, a meno che non ti dispiaccia infastidire gli utenti e perdere in credibilità. Quanto allo stile di scrittura, cerca di essere chiaro, diretto e sincero.
10.Evitare errori di ogni tipo, non importa quanto piccoli essi possano apparire.Gli errori tipografici e i link rotti nuocciono alla credibilità di un sito molto più di quanto la maggior parte delle persone possa immaginare. Da evitare anche che il sito sia fuori servizio.

Fonte: Fogg, B.J. (May 2002). “Stanford Guidelines for Web Credibility.” A Research Summary from the Stanford Persuasive Technology Lab. Stanford University. Traduzione © 2010 Sean Carlos

Ti potrebbero interessare:

Sono aperte le iscrizioni per il prossimo corso Seo e per il corso Google Analytics. Cosa aspettate?


A proposito di Sean Carlos

Sean Carlos aiuta le aziende nell'ottimizzare i loro risultati di business online. La sua carriera spazia dalla gestione di campagne di telemarketing e direct mailing presso un'organizzazione con più di 10.000 soci ad una significativa esperienza a livello mondiale maturata presso la Hewlett-Packard. Nei primi anni 90 Sean ha sviluppato un applicativo enterprise search, comprensivo di tutte le fasi, dall'indicizzazione alla ricerca dei testi, per il Los Angeles County Museum of Art. Dal 2000 al 2004 Sean è stato IT Manager del sito immobiliare CasaClick.it, parte del gruppo Pirelli. Sean è un docente ufficiale della Digital Analytics Association. È Chairman dello SMX Search and Social Media Conference, 12 & 13 novembre p.v. a Milano. Collabora inoltre con l'Università Bocconi. Nato a Providence, RI, USA, Sean Carlos si è laureato in Fisica. Parla inglese, italiano e tedesco.

Lascia un commento

Avviso: i tuoi commenti sono i benvenuti se sono costruttivi. L'amministratore si riserva la facoltà di cancellare i commenti anonimi, con secondi fini e/o con toni non civili.