L'indicizzazione nei motori di ricerca di siti web in più lingue | Antezeta Digital Marketing

L’indicizzazione nei motori di ricerca di siti web in più lingue

Una problematica molto ricorrente per le aziende ed organizzazioni con una presenza internazionale è come disporre i siti multilingua nei internet. Vale a dire, si possono mettere tutti i siti su di un dominio .com o .org, magari usufruendo di cartelle sul server web per dividere ogni lingua? È questa una soluzione accettabile per i clienti attuali e potenziali? Ci saranno problemi con il posizionamento nei motori di ricerca?

Dopo avere affrontato la questione in vari progetti , ho deciso di condividere alcune delle problematiche che si dovrebbero affrontare per scegliere la strada giusta.

Partiamo con i – ma pensiamo ai visitatori

I siti web esistono per comunicare con un pubblico variegato – clienti attuali, clienti potenziali, dipendenti, investitori, fornitori ecc. Nella loro progettazione, è fondamentale non perdere di vista il pubblico al quale si rivolge il sito. Ma è altamente determinante pensare anche al farsi trovare in rete, Google in primis.

Un sito web non ben indicizzato è come un negozio su di una via senza uscita – magari molto bello, ma non passa e non entra nessuno.

Quali sono i fattori da prendere in considerazione per i motori di ricerca e per i visitatori? Cominciamo con la strategia SEO per un dominio o più domini. Nell’articolo “strategie SEO per la scelta dei domini e la localizzazione di siti web“, rifletto sugli approcci più comuni con un accenno alle trappole da evitare. Per coloro che non temono il marketing tecnico, posso consigliare anche la lettura di un articolo correlato: come i motori di ricerca rilevano la lingua dei documenti HTML. E se questo non bastasse, si potrebbe concludere anche con la lettura di “caratteri accentati e simboli nei documenti html: considerazioni per il posizionamento nei motori di ricerca, utilizzabilità e feed xml“. Il messaggio sintetico di questi documenti è semplice: tranquilli, relax. Per fortuna, più spesso che mai le esigenze dei motori di ricerca e quelle degli utenti coincidono.

Cosa si aspettano i visitatori da un sito internazionale?

Steve Krug già nel titolo del suo libro “Don’t make me think” (Non farmi pensare) ci dà la risposta giusta: noi dobbiamo rendere trasparente l’esperienza di navigazione per gli utenti. Un visitatore italiano che fa una ricerca per “Fiat 500″ su Google Italia, dovrebbe trovare una pagina della Fiat che evidenzia la nuova “500″, rigorosamente in lingua italiana. Arrivando alla pagina, il visitatore non dovrebbe cambiare la lingua dalla pagina o altro.

Spero che gli articoli siano utili al tuo lavoro. Buona lettura!

Ti potrebbero interessare:

Sono aperte le iscrizioni per il prossimo corso Seo e per il corso Google Analytics. Cosa aspettate?


A proposito di Sean Carlos

Sean Carlos aiuta le aziende nell'ottimizzare i loro risultati di business online. La sua carriera spazia dalla gestione di campagne di telemarketing e direct mailing presso un'organizzazione con più di 10.000 soci ad una significativa esperienza a livello mondiale maturata presso la Hewlett-Packard. Nei primi anni 90 Sean ha sviluppato un applicativo enterprise search, comprensivo di tutte le fasi, dall'indicizzazione alla ricerca dei testi, per il Los Angeles County Museum of Art. Dal 2000 al 2004 Sean è stato IT Manager del sito immobiliare CasaClick.it, parte del gruppo Pirelli. Sean è un docente ufficiale della Digital Analytics Association. È Chairman dello SMX Search and Social Media Conference, 13 & 14 novembre p.v. a Milano. Collabora inoltre con l'Università Bocconi. Nato a Providence, RI, USA, Sean Carlos si è laureato in Fisica. Parla inglese, italiano e tedesco.

1 risposta a "L’indicizzazione nei motori di ricerca di siti web in più lingue"

Lascia un commento

Avviso: i tuoi commenti sono i benvenuti se sono costruttivi. L'amministratore si riserva la facoltà di cancellare i commenti anonimi, con secondi fini e/o con toni non civili.